2l/Borisov la cometa Aliena

2l/Borisov ci ha lasciato, rimane di lei il ricordo della sua apparizione e della consapevolezza di aver visto e studiato per la prima volta un Cometa proveniente da un altro sistema Solare.

Il 30 agosto 2019 Hennadij Borisov , astronomo amatoriale in una delle sue osservazioni personali dal proprio osservatorio scopre un oggetto in movimento. Come da consuetudine l’oggetto viene astrometrizzato per calcolarne le coordinate celesti. Una volta consultato i dati del Minor Planet Center (MPC) che si occupa di raccogliere e conservare i dati sui corpi minori del sistema solare (comete e asteroidi) si accorge che risulta essere un nuovo oggetto. Dalle nuove misurazioni poi fatte anche da altri astrofili si incomincia ad ipotizzare che si tratti di una cometa, e il giorno 11 settembre 2019 gli viene assegnato il nome C/2019Q4, in seguito da ulteriori misurazioni si scopre la sua eccentricità orbitale e viene ufficializzata la prima cometa interstellare, Il primo oggetto proveniente dall’esterno del nostro sistema solare viene rinominato 2l/Borisov.

La cometa raggiunge poi il perielio (il punto più vicino al Sole) il giorno 08/12/2019 e come detto in questi giorni ormai al limite dei nostri obiettivi amatoriali ci ha lasciato.

Tante sono state le domande che ci siamo posti in questi mesi, in primis com’era fatta ?, quanto era grande il suo nucleo?, come si comportava avvicinandosi al sole ?. A queste e ad altre risposte il mondo scientidfico a provato a dare risposte.

Anche il CARA ha da subito avviato una campagna osservativa per cercare di carpire alcuni dei segreti che 2l/Borisov poteva rivelarci.

La cometa ha presentato un nucleo di circa una decina di Km di diametro con una magnitudine che è oscillata da 17,5 a 16,6 mantenendo quindi una luminosità tutto sommato costante.

La cometa Borisov fotografata dall’osservatorio di Cavezzo (MO) il 27/10/2019

*Proprio nel momento del suo saluto al genere umano la cometa ci regala ancora delle sorprese, infatti tra il 4 e 5 marzo 2020 si è registrato grazie a foto scattate dal telescopio di 1,3 mt di diametro situato a Las Campanas un aumento della luminosità di circa 0,3 mag., seguita poi da una luminosità costante fino al giorno 8 marzo. Successivamente una ulteriore luminosità di 0,4 di mag. è stata interessata tra 8 e 9 marzo mantenendola poi costante fino a oggi 12 marzo 2020. Abbiamo quindi avuto un aumento di 0,7 mag. di luminosità in 5 giorni, Questo comportamento è fortemente indicativo di una frammentazione del nucleo in corso. Purtroppo ormai la Borisov per la maggior parte degli astrofili è troppo lontana per poter ammirare questo spettacolo., quindi non ci rimane che dire goodbye 2l/Borisov prima Cometa Interstellare.

*(Notizia distribuita come avviso di posta elettronica istantanea Certificazione delle credenziali delle comete : Michal Drahus (drahus@oa.uj.edu.pl) i12 marzo 2020; 14:49 UT)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *