Le comete visibili a Maggio

di Adriano Valvasori

C/2019 Y4 ATLAS

La cometa C/2019 Y4 (ATLAS) è ormai ben nota per le vicissitudini che la hanno dapprima collocata sul podio come imminente cometa spettacolare visibile nel nostro cielo, per poi declassarla a rango inferiore come cometa fallimentare. La cometa C/2019 Y4 è stata scoperta il 28 dicembre 2019 nell’ambito del programma di ricerca ATLAS (Asteroid Terrestrial-impact Last Alert System), era apparsa allora come una cometa insignificante oltre la diciannovesima magnitudine. L’annuncio è venuto dalla MPEC (Minor Planet Electronic Circular) 2020-A112. Di interessante vi era il fatto che al perielio, punto di massimo avvicinamento al Sole, si sarebbe trovata a sole 0,25 Unità Astronomiche dalla nostra stella. Ci speravamo tutti di vincere alla lotteria, ma si vide già durante la fase di aumento di luminosità, nei dati raccolti nell’ambito del Progetto CARA, un temporaneo cedimento nella salita di luminosità. Ai primi di aprile si ebbe la conferma che il nucleo si era quindi spezzato e frammentato, ed è probabile che l’inizio del cedimento del nucleo sia coinciso proprio con l’anomalo aumento di luminosità avvenuto a marzo.La ATLAS non sarà ricordata come cometa del secolo per la sua luminosità, ma lo spettacolo del suo breve aumento e della sua frammentazione resterà scolpito nella memoria come un evento straordinario. Per leggere l’intero articolo: C/2017 T2 PanSTARRS Per effetto del suo continuo avvicinamento al perielio, che sarà proprio il 4 maggio 2020, la sua luminosità è ancora in leggero aumento anche se in maniera sempre più ridotta; la sua magnitudine è attualmente di 9,5. Si muoverà tra la costellazione della Giraffa e dell’Orsa Maggiore.

C/2019 Y1 ATLAS

C/2019 Y1 ATLAS è una cometa non periodica scoperta il 16 dicembre 2019 dal programma di ricerca astronomica ATLAS. La cometa è ancora circumpolare per tutto il mese di maggio e quindi osservabile per tutta la notte anche se la sua altezza sull’orizzonte ad inizio mese non sarà elevata, ma tenderà ad aumentare. Attualmente ha una magnitudine 8, quindi facilmente visibile anche con piccoli telescopi e fotograficamente mostra una lunga coda di gas. Interessanti le congiunzioni per questo mese che vedono il giorno 15/05 la cometa a 3 gradi est da M81/8, tra il giorno 20 e 22 a 9’ ovest di Dubhe (stella dell’Orsa Maggiore) e tra il giorno 25 e 26 a 40’ ovest di M108 e 30’ est di M97. Anche se tale comete ha già passato il suo perielio, presenta ancora una discreta attività e vale la pena continuare a seguirla per monitorarne l’andamento.

C/2019 U6 Lemmon

Un breve cenno a questa cometa, la C/2019 U6 (Lemmon), che inizialmente aveva ricevuto la designazione A/2019 U62, vale a dire di un piccolo corpo senza attività cometaria (pianeta minore) la cui orbita ha caratteristiche tipiche di quelle delle comete. Questo oggetto ha infatti un’orbita di lungo periodo con un’inclinazione di 61,0 gradi, il suo perielio è a 0.91 UA dal Sole, il 18 giugno 2020. Purtroppo la sua declinazione è ancora fortemente negativa e non ne permette la visibilità, ma la curva di luce prevista fa ben sperare (senza farsi illusioni) che a luglio possa essere una cometa bella, pur rimanendo bassa sull’orizzonte. Ne riparleremo il prossimo mese.

C/2020 F8 SWAN

Questa cometa è stata scoperta nelle immagini scattate dalla telecamera SWAN il 25 marzo 2020, a bordo della navicella spaziale Solar Heliospheric Observer (SOHO). Attualmente è a circa 1,1 UA (160 milioni di km) dalla Terra nella costellazione dello Scultore. Ha una magnitudine apparente di circa 8. Sta manifestando un’intensa attività ed un rapido innalzamento della sua luminosità, presentando una coda di gas molto lunga (qualche grado). Purtroppo la cometa è visibile, per ora, solo dall’emisfero australe. Probabilmente raggiungerà la magnitudine 3 verso la fine del mese quando arriverà al perielio il giorno 27. Per noi osservatori dell’emisfero boreale, sarà difficile osservarla anche se a fine mese si troverà a passare vicino alla stella Capella nella costellazione dell’Auriga, però sarà molto bassa sull’orizzonte (circa 6 gradi) alle ore 22:00 locali, quindi ancora nel pieno crepuscolo serale con il Sole a -18° sotto l’orizzonte (inizio notte astronomica). Non ci resta che sperare che la cometa incrementi notevolmente la sua attività per regalarci un bello spettacolo, ma come sappiamo le comete fanno ciò che voglio, quindi non illudiamoci ma non disperiamo.

88/P Howell

La cometa Howell, formalmente 88P/Howell, è una cometa periodica appartenente alla famiglia delle comete gioviane con periodo di 5,48 anni. Visibile per tutta la notte nella costellazione della Vergina, la cometa sta andando verso il suo perielio che sarà il 26/06/2020, quindi la sua magnitudine continuerà a crescere nei prossimi mesi; attualmente è 13.8. Pertanto si invita all’osservazione ed alla misura di questa cometa.

C/2019 N1 ATLAS

Cometa scoperta sempre dal sistema ATLAS e ufficializzata con MPEC 2019-N160 il 15 luglio 2019, questa cometa attualmente si trova a 3.2 UA dal Sole con una magnitudine di circa 15.8. Arriverà al perielio il 1 dicembre 2020 ad una distanza dal Sole di circa 1.7 UA. Non sarà una cometa eclatante, ma la magnitudine potrebbe arrivare a 10.5, poi attualmente è di facile osservazione in quanto si trova presso il polo, nella costellazione dell’Orsa Minore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *